Obiettivo Italia Nord Occidentale

Camperando tra Liguria, Piemonte, Val d'Aosta e Liguria



Questa guida vi accompagnerà nel vostro viaggio di scoperta delle quattro regioni del nord-ovest italiano - Liguria, Piemonte, Valle d'Aosta e Lombardia - dalla riviera ligure ai laghi alpini, dalle dolci colline delle Langhe alla pianura padana occidentale, dalle grandi città come Genova, Torino e Milano ai piccoli borghi medievali e rinascimentali delle Prealpi e delle vallate alpine, ciascuna con la propria cultura e le proprie tradizioni. Un territorio che evidenzia il più grande excursus altimetrico d'Europa, passando dall'altitudine zero delle riviere della Liguria, o prossima ai 100 metri della Val Padana ad Alessandria e Vercelli, alle più alte cime d'Europa, come il Monte Bianco e il massiccio del Rosa, con quasi cinque mila metri di altezza delle loro vette.

Effettueremo insieme un lungo viaggio in alcuni dei luoghi che hanno visto scrivere le pagine più importanti della storia dell'unità d'Italia, a partire da Torino e dalle residenze sabaude piemontesi; e un altro viaggio sulle orme dei pellegrini medievali che giungevano a piedi da mezza Europa percorrendo la Via Francigena per superare le Alpi e scendere verso la pianura padana per dirigersi a Roma; e ancora un viaggio tra i mille musei che testimoniano la civiltà e l'arte degli uomini preistorici, dei popoli italici e dei romani, dei longobardi e dei carolingi, fino ai grandi artisti del rinascimento come Leonardo, fino alle figure più ecclettiche dei contemporanei che hanno eletto Milano a loro maison; e un ulteriore viaggio nei luoghi che hanno visto nascere il mito del made in Italy, terre di sofferente immigrazione e a volte di riscatto come Torino e Milano; e poi ancora un altro tra le prelibatezze enogastronomiche delle Langhe e del Monferrato, della Lomellina e della Franciacorta. Senza mai fermarci alle apparenze e alle ovvietà, ma indagando e approfondendo il perchè delle cose, la loro origine e la loro evoluzione.

I dodici itinerari

Sono dodici i grandi itinerari di cui si compone questa guida; due sono dedicati alla Liguria, uno collega la riviera di ponente al cuneese attraverso l'enclave francese della Val Roya, altri quattro sono incentrati sul Piemonte, uno è interamente dedicato alla Val d'Aosta e gli ultimi quattro alla Lombardia.

Ogni itinerario, illustrato da una pianta specifica che ne delinea il percorso, comprende le aree di sosta utilizzate (con coordinate GPS), descrive località, aree archeologiche e naturalistiche, musei e monumenti, comprendendo anche dei box sulle più importanti manifestazioni sacre e profane del territorio e altri box sui prodotti tipici.

Qui di seguito una sintesi dei dodici itinerari.

Questo primo itinerario, che si sviluppa in meno di duecento chilometri su ruote, oltre ad alcune tappe raggiungibili con mezzi pubblici (bus, battelli o treno), punta alla scoperta della Riviera ligure di Levante, con i suoi scenografici borghi marinari e i suoi romantici colori, partendo dalla Lunigiana e dalla città di La Spezia per proseguire quindi con il Golfo dei Poeti, le Cinque Terre e la costa da Sestri Levante al Golfo del Tigullio. Le località toccate sono nell'ordine: l'area archeologica di Luni, Castelnuovo Magra, Sarzana, Lerici e il Tellaro, La Spezia, Portovenere, Le Cinque Terre con Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso al Mare, Sestri Levante, Lavagna, Chiavari, San Salvatore dei Fieschi, Rapallo, Santa Margherita Ligure, Portofino e l'Abbazia di San Fruttuoso di Camogli.
Questo secondo itinerario ligure parte da Genova per raggiungere il confine francese a Ventimiglia, percorrendo i pittoreschi scenari della Riviera di Ponente tra spiagge, ripide scogliere, borghi medievali anche a poca distanza dal mare e tesori architettonici d'epoca medievale e rinascimentale. Dopo un ampio excursus sul capoluogo ligure, Genova, in poco più di duecento chilometri vengono toccate Varazze, Albisola Marina e Albisola Superiore, Savona, Spotorno, Noli, Finale Ligure con Finale Pia Finale Marina e Finalborgo, Pietra Ligure, Albenga, Alassio, Diano Marina, Diano Castello, Imperia, Sanremo, Bordighera, Seborga, Ventimiglia, Dolceacqua, Isolabona e Apricale.
Questa terza parte ha inizio da Ventimiglia, già descritta nell'itinerario precedente, da dove ben presto si entra nell'enclave francese della Val Roya, per poi fare rientro in Italia attraverso il Colle di Tenda effettuando quindi un affascinante percorso tra le numerose "diversità" del basso Piemonte, nel territorio cuneese, nella Val Maira e nel saluzzese fino alle propaggini delle Alpi e alla Valla Pellice, detta anche la Valle dei Valdesi. Nei 330 chilometri del percorso si toccano: Airole, Breil-sur-Roya (Breglio), Saorge (Saorgio), Fontan, le Gorges de Bergue, La Brigue (Briga), il Santuario di Notre Dame des Fontaines, Tende (Tenda); quindi, rientrati all'interno dei confini italiani, si prosegue con Limone Piemonte, Borgo San Dalmazzo, Cuneo, Dronero, Villar San Costanzo, Busca, il Castello della Manta, Saluzzo, Savigliano, Racconigi, Moretta, l'Abbazia di Staffarda, Cavour, Luserna San Giovanni, Torre Pellice, Villar Pellice, Bobbio Pellice, Villanova, Angrogna e Pradeltorno.
Tutta la prima parte di questo capitolo di viaggio è dedicata alla prima capitale d'Italia, Torino, con i suoi palazzi, le sue chiese e i suoi musei; quindi si va alla scoperta delle residenze di villeggiatura e di caccia che i Savoia si fecero costruire tutt'attorno alla città; la terza parte, infine, si proietta verso il confine francese del Monginevro percorrendo tutta la Valle di Susa tra abbazie e località di grande charme (in totale poco più di 220 chilometri). Oltre a Torino l'itinerario tocca la Basilica di Superga, le residenze di Venaria Reale, Moncalieri, Stupinigi e Rivoli; quindi l'Abbazia di Sant'Antonio di Ranverso, Avigliana, la Sacra di San Michele, Villar Focchiardo, Bussoleno, Susa, Novalesa con la sua preziosa Abbazia, Exilles, Salbertrand, Oulx, Claviere e il Passo del Monginevro.
Parte dal Canavese e dal suo capoluogo, Ivrea, questo quinto itinerario di oltre 350 chilometri che, seguendo il percorso della Dora Baltea, esplora tutta la Valle d'Aosta fino al confine francese del Piccolo San Bernardo, con alcune deviazioni anche lungo le vallate minori come quella di Gressoney e quella di Cogne. Due i motivi conduttori del viaggio: la natura che impera sovrana, con le più alte vette alpine come quelle del Monte Rosa, del Gran Paradiso e del Monte Bianco, e i castelli che si inseguono lungo tutto il percorso marcando in modo stretto tutto il territorio. Le località toccate sono Rivarolo Canavese, Agliè, Castellamonte, Ivrea, Pont-Saint-Martin, Lillianes, Fontainemore, Issime, Gaby, Gressoney-Saint-Jean, Gressoney la Trinitè, Bard, Arnad, Issogne, Verrès, Montjovet, Saint Vincent, Châtillon, Fénis, Aosta, Sarre, Saint Pierre, Aymavilles, Cogne, Lillaz, Introd, Avise, Morgex, Pré-Saint-Didier, Courmayeur, La Thuile e il Passo del Piccolo San Bernardo, appena varcato il confine con la Francia.
Ecco un itinerario che privilegia, per il territorio attraversato, soprattutto gli aspetti naturalistici ed enogastronomici: da Bra si entra nel cuore delle Langhe con le terre del Barolo, proseguendo per Alba, terra di tartufi, e l'astigiano, scivolando dolcemente nel Monferrato. Le località toccate, in un arco di circa 280 chilometri, sono nell'ordine: Bra, Cherasco, La Morra, Barolo, Grinzane Cavour, Alba, Magliano Alfieri, Asti, Canelli, Nizza Monferrato, Acqui Terme, Ovada, Lerma, Castelletto d'Orba, Gavi, Serravalle Scrivia, l'area archeologica di Libarna, Rivalta Scrivia e Tortona.
Meno di 200 chilometri sono sufficienti per passare dalle risaie della Val Padana alle pendici del Monte Rosa; questo itinerario parte da Alessandria e, dopo aver toccato le ultime propaggini dell'alto Monferrato con la splendida città di Casale Monferrato, giunge alle risaie che si distendono a perdita d'occhio nel vercellese; dopo Vercelli inizia la lenta risalita nella Valsesia, seguendo il corso del fiume Sesia, toccando tutti i principali paesi dell'area: San Nazzaro Sesia, Romagnano Sesia, Serravalle Sesia, Borgosesia, quindi Varallo con il più importante Sacro Monte del Piemonte e infine Alagna Valsesia, nel cuore delle terre della popolazione walser.
Questo ultimo itinerario dedicato al Piemonte tocca tutto il territorio di confine con la Lombardia, da Novara al Lago Maggiore, con una breve deviazione anche sulla sponda lombarda del lago; dopo un'escursione sul Lago d'Orta si riprende la strada verso nord seguendo la direttrice della Val d'Ossola. Le località visitate in circa 275 chilometri sono Novara, Galliate, la Badia di Dulzago, Oleggio, Angera, Arona, Stresa, Baveno, le Isole Borromee, Feriolo, Verbania, quindi Gravellona Toce, Omegna, Orta San Giulio, Legro, Vogogna, Macugnaga, Villadossola, Domodossola, Crodo, Baceno e infine Formazza.
Il primo capitolo dedicato alla Lombardia è incentrato particolarmente su Milano e i suoi tesori, nonchè sulla sua provincia, con particolare attenzione alle Abbazie della Bassa milanese; quindi, scendendo verso sud-ovest, si visitano il Parco del Ticino e la Lomellina, con le sue maggiori città d'arte come Pavia e Vigevano. Nei circa 150 chilometri del percorso, oltre alla capitale del nord, si toccano le Abbazie di Chiaravalle, di Viboldone, di Mirasole, la Certosa di Pavia, la città di Pavia, e quindi i centri di Lomello, Mortara, Vigevano, l'Abbazia di Morimondo e Abbiategrasso.
Il territorio lombardo a nord di Milano è quello su cui si incentra questo secondo itinerario dedicato alla Lombardia, che tocca ben quattro capoluoghi di provincia prendendo il via da Monza per raggiungere nell'ordine Varese, quindi Como e infine Bergamo. In poco più di 200 chilometri si toccano Monza, Saronno, Cantù, Galliano, Castelseprio e il Monastero di Torba, Castiglione Olona, Varese, Como, Erba, Lecco, Sotto il Monte, Bergamo e Palazzolo sull'Oglio.
È pressoché tutto dedicato al territorio della provincia di Brescia questo penultimo itinerario, che parte dai tesori millenari della seconda città lombarda per toccare, in circa 170 chilometri, l'area della Franciacorta, famosa per i suoi vigneti, quindi le sponde bresciane del Lago d'Iseo per risalire infine, sulle sponde dell'Oglio, tutta la Valcamonica, famosa per la presenza di vari siti contrassegnati dai graffiti preistorici inseriti dall'Unesco nel Patrimonio dell'Umanità, fino al Passo del Tonale. Le località toccate sono: Brescia, l'Abbazia di Rodengo Saiano, Passirano, Iseo, Pisogne, Lòvere, Clusone, Darfo-Boario Terme, Cividate Camuno, Breno, Capo di Ponte, Edolo, Temù e Ponte di Legno.
L'ultimo itinerario della guida esplora la Lombardia meridionale, solcata da vari fiumi affluenti del Po, con le province di Lodi, Cremona e Mantova, prima di risalire verso nord raggiungendo, in provincia di Brescia, la sponda lombarda del Lago di Garda. Le località toccate nei circa 400 chilometri del percorso sono: Belgioioso, Sant'Angelo Lodigiano, Lodi, Abbadia Cerreto, Crema, Soncino, Pizzighettone, Cremona, Casalmaggiore, Sabbioneta, Mantova, Grazie di Curtatone, Goito, Castiglione delle Stiviere, Sirmione, Desenzano del Garda, Salò, Gardone Riviera e Riviera di Sopra, Toscolano Maderno e Tignale.
GUIDA ESAURITA
Obiettivo Italia Nord Occidentale

Edizioni Fotograf Palermo (2015)
ISBN 978-88-97988-27-4
492 pagine, 906 foto
€ 36.00 + spese postali

   Sfoglia la guida
Premessa
Introduzione
Un po' di storia
Il territorio e la viabilità
Il patrimonio monumentale e artistico
L'economia
L'Italia nord occidentale
dalla A alla Z
A = Alpi, neve e sport invernali
B = Borsa
C = Cavour
D = Dialetti
E = Egittologia
F = FIAT
G = Gastronomia e piatti tipici
H = Hotel, parcheggi e campeggi
I = Immigrazione
L = Laghi
M = Moda
N = Nebbia
O = Olio d'oliva
P = Pesto
Q = Quando andare
R = Risaie
S = Savoia
T = Trafori alpini
U = Usi, costumi e folclore
V = Vini
W = Walser
Z = Zegna
Indice dei luoghi
Indice delle manifestazioni
Il decalogo del camperista responsabile
Gli autori
Gli itinerari
Una riviera d'amare
  • La Lunigiana e La Spezia
  • Portovenere e le Cinque Terre
  • Da Sestri Levante al Golfo del Tigullio
Profumo di mare
  • Genova, la signora del mare
  • La riviera delle palme, da Savona ad Albenga
  • Imperia e la riviera dei fiori
  • Ventimiglia e la Val Nervia
Dal Mediterraneo alle Alpi
  • La Val Roya
  • Cuneo e la Val Maira
  • Il territorio di Saluzzo
  • La Valle dei Valdesi
Avanti Savoia!
  • Torino, la prima capitale d'Italia
  • Le residenze sabaude attorno alla città
  • La Valle di Susa
Verso il paradiso alpino
  • Ivrea e il Canavese
  • La Valle di Gressoney
  • I castelli lungo la Dora Baltea
  • Da Aosta al Passo del Piccolo San Bernardo
Nel regno del vino e del tartufo
  • Le Langhe e il Roero
  • Il Monferrato e la Valle Scrivia
Dalle risaie alle vallate alpine
  • Da Alessandria a Vercelli
  • La Valsesia
Un tuffo al lago ...e non solo
  • Il Novarese
  • Il Lago Maggiore
  • Il Lago d'Orta e la Val d'Ossola
Ora et labora
  • Milano, la capitale del nord
  • Le Abbazie della Bassa Milanese
  • Pavia e la Lomellina
Tra laghi e città d'arte
  • La Brianza e il Varesotto
  • I due bracci meridionali del Lago di Como
  • La Bergamasca
Vigneti e graffiti
  • I tesori di Brescia
  • La Franciacorta e il Lago d'Iseo
  • La Valcamonica
Terre d'acqua
  • Il Lodigiano
  • Il Cremasco e il Cremonese
  • Il Mantovano
  • Il Garda lombardo

Una riviera d'amare - La Riviera ligure di Levante

Profumo di mare - Genova e la Riviera di Ponente

Dal Mediterraneo alle Alpi - La Val Roya, il Cuneese occidentale e la Valle Pellice

Avanti Savoia! - Torino, le residenze sabaude attorno alla città e la Val Susa

Verso il paradiso alpino - Il Canavese e la Val d'Aosta

Nel regno del vino e del tartufo - Le Langhe, il Roero, il Monferrato e la Valle Scrivia

Dalle risaie alle vallate alpine - Alessandria, Vercelli e la Valsesia

Un tuffo al lago ...e non solo - Il Novarese, il Lago Maggiore, il Lago d'Orta e la Val d'Ossola

Ora et labora - Milano, la Bassa milanese, Pavia e la Lomellina

Tra laghi e città d'arte - La Brianza, il Varesotto, i due bracci meridionali del Lago di Como e la Bergamasca

Vigneti e graffiti - Brescia, la Franciacorta, il Lago d'Iseo e la Valcamonica

Terre d'acqua - Il Lodigiano, il Cremonese, il Mantovano e il Garda lombardo
©2012-2017 Mimma Ferrante & Maurizio Karra - Le Vie del Camper - Edizioni Fotograf Palermo
È vietata la riproduzione anche parziale dei testi e delle opere citate senza l'autorizzazione scritta degli autori e dell'editore
ggs2012  |  info cookie policy e disclaimer
Forse potrebbe interessarti anche:
Obiettivo Francia
Dodici itinerari alla scoperta della nazione forse più amata da camperisti e campeggiatori in genere, perché quella in Europa in cui effettivamente è nato, sviluppandosi, questo segmento di turismo.