I racconti: cronache semiserie di vita da camperista
Ovvero l'incontro tragicomico tra una viaggiatrice e l'universo del camper

Ricordi confusi affiorano dentro di me, quando cerco di pensare alle note positive accadute nel corso di quel viaggio, senza peraltro riuscirci; ricordo soltanto gli interminabili chilometri che sembravano dilatarsi davanti e dietro di me per la velocità da lumaca di quel Fiat 242, le innumerevoli ore di guida del marito, le continue soste ai distributori per fare il pieno di gasolio e di ...olio motore, il camper che traballava vistosamente a ogni minima buca, la sensazione di trovarsi sempre in mare aperto anche quando il camper era fermo, il pianto incessante dei bambini non appena si accendeva il motore e le mie dissertazioni filosofiche su che cosa fosse l'universo e su che cosa ci stessi a fare io; perfino la macchina fotografica, depressa da questa situazione paradossale, non resse più alla tensione e andò ben presto in tilt, lasciandoci pietosamente dopo i primi due giorni quasi senza ricordi fotografici di quella particolarissima esperienza.

Ma chilometro dopo chilometro, imprevisto dopo imprevisto, disastro dopo disastro anche il viaggio ebbe termine e finalmente giunse il momento di scendere dal famigerato camper per ritrovarsi sulla terraferma, in una rinnovata parvenza di normalità: l'incubo era finito! Niente più gabinetti intasati, niente più lavaggi con le bottiglie di acqua minerale, niente più panini con il prosciutto a pranzo e a cena, insomma niente più camper! Giurai solennemente a me stessa che per nessun motivo al mondo sarei risalita su uno di quegli infernali trabiccoli e che, evidentemente, dovevo ancora trovare il mezzo adatto per poter viaggiare in assoluta libertà. Mai più, promisi a me stessa, mai più!

Non avevo ancora imparato che non bisogna mai dire mai...

(Continua...)

©2012-2019 Mimma Ferrante & Maurizio Karra - Le Vie del Camper - Edizioni Fotograf Palermo
È vietata la riproduzione anche parziale dei testi e delle opere citate senza l'autorizzazione scritta degli autori e dell'editore
ggs2012  |  info cookie policy e disclaimer