Obiettivo Penisola Iberica Ristampa aggiornata al 2015

Camperando tra Spagna e Portogallo



Questa guida vi accompagnerà nel vostro viaggio in Spagna e Portogallo, i due stati dell'estremità occidentale del continente europeo; due stati ai quali tuttavia non corrispondono due sole realtà nazionali, quanto meno in Spagna; qui sono quattro le aree storiche e sociali che sono confluite in un unico stato: oltre alla Castiglia, che è il cuore della Spagna, anche la Catalogna, il Paese Basco e la Galizia, ciascuna con lingua e cultura autonoma, il che ha portato il governo centrale spagnolo a doversi spesso misurare con i loro esponenti, e non sempre in modo pacifico, in particolare per quanto riguarda il Paese Basco. Ma ormai da diversi anni questi conflitti sembrano essere stati superati, grazie a una politica di autonomia che ha consentito alle tre comunità non castigliane di ottenere le libertà richieste, pur rimanendo in seno al territorio spagnolo.

In ogni caso la Spagna è un crogiolo di realtà diverse, ognuna più affascinante dell'altra, dalla esotica Andalusia, perfetto incontro tra Africa ed Europa (come testimoniano le splendide moschee trasformate in Cattedrali e i possenti Alcazar), al suggestivo Camino de Santiago, che ripercorre tra borghi sonnolenti e splendide città un pellegrinaggio ultrasecolare verso la tomba dell'apostolo Giacomo, dall'esuberante Castiglia, con le sue vivaci città ricche di movida, alla Mancha, teatro delle gesta di Don Chisciotte; e così via, in un crescendo di scoperte tutte da assaporare.

I sette itinerari

Sono sette gli itinerari di questa guida; si parte dalla Catalogna, tra il sud-ovest della Francia e il sud-est della Spagna, dato che quest'area geografica e culturale si trova a cavallo dei due stati, e si prosegue verso il nord della Spagna alla scoperta del Camino de Santiago, del Paese Basco e della Galizia; quindi si ripiega verso il centro tra il Leon e la Castiglia con la capitale spagnola Madrid e Toledo; si continua verso sud con l'esplorazione della Mancha e poi si devia verso sud-ovest con uno zoom sull'Andalusia; per poi continuare oltre il confine portoghese, alla scoperta dapprima del Portogallo centro-meridionale, dall'Algarve alla capitale Lisbona, e poi del Portogallo settentrionale, da Fatima a Coimbra a Porto, seguendo un tracciato che è volto alla migliore comprensione del territorio. Ecco in sintesi le caratteristiche dei sette itinerari, tutti corredati da mappe che ne illustrano il percorso e dai punti sosta con le coordinate GPS.

Il percorso più diretto per raggiungere dall'Italia la Catalogna vede il superamento del tratto mediterraneo della Francia, attraverso la A.8-A.54-A.9 (a pedaggio), fino a Perpignan e alle località catalane francesi, che fanno da punto di partenza dell'itinerario; superato il confine spagnolo, si raggiunge quindi Barcelona con le sue architetture moderniste, e si prosegue poi fino a Tarragona, salendo infine verso Saragoza, che non fa parte della Catalogna, ma che merita un'ampia visita per i suoi tesori architettonici. Le località descritte nei circa 600 chilometri di questo itinerario sono: Perpignan, Collioure e Ceret nella Francia sud-occidentale, e poi Figueres, Girona, Barcelona, Altafulla, Tarragona, Montblanc, il monastero di Poblet, Lleida e Saragoza.
Il "tradizionale" Camino de Santiago (ne esistono in effetti alcune varianti) si sviluppa per circa 850 chilometri nella Spagna settentrionale su strade nazionali, contrassegnate dalla "N" iniziale, o strade locali, contrassegnate dalla sigla della provincia come iniziale ("NA" per Navarra, "BU" per Burgos, ecc.), partendo dal Col de Somport, sui Pirenei al confine fra Francia e Spagna, fino a Santiago de Compostela. Il Camino attraversa, senza alcun tratto stradale o autostradale a pedaggio, le regioni spagnole della Navarra, della Rioja, della Castiglia e Leon e infine della Galizia, lambendo anche il Paese Basco e le Asturie. L'itinerario tocca molte località anche "minori": Jaca, Santa Cruz de la Jeros, San Juan de la Pena, Yavier, Sanguesa, Leyre, Puente de la Reina, Estella, Torres del Rio; da qui una breve deviazione proietta nel Paese Basco, i cui maggiori centri sono Pamplona, San Sebastian, Bilbao; quindi si torna sulla direttrice del Camino, con l'esplorazione di Santo Domingo de la Calzada e di Burgos; ancora una breve deviazione verso nord in Cantabria permette di visitare la bella cittadina di Santilliana del Mar e le grotte di Altamira; quindi si riprende il tragitto del Camino con la visita di Castrojeriz, Fromista, Carrion de los Condes, Sahagun, Leon, Astorga, Ponferrada, Villafranca del Bierzo, El Cebrero e, infine, Santiago de Compostela, sulla tomba dell'apostolo Giacomo. È tradizione comunque proseguire l'itinerario fino all'Oceano, a Muxia e Cabo Finisterre (quindi per altri 130 chilometri), come facevano anche gli stessi pellegrini medievali una volta concluso l'itinerario di fede.
Il percorso si snoda nel cuore della Spagna, nella regione del Leon e della Castiglia, tra Salamanca, Madrid e le località situate attorno alla capitale spagnola, per un percorso totale di circa 500 chilometri. Le strade da percorrere sono ottime statali o tratti autostradali soltanto in parte a pedaggio. Le località descritte sono: Salamanca, Avila de los Caballeros, Segovia, San Idelfonso, El Escorial, Madrid, Aranjuez, Toledo.
L'itinerario si sviluppa per poco più di 150 km. nell'altopiano della Mancha, a sud di Madrid e Toledo, su strade poco trafficate spesso dritte come lame di coltello e fiancheggiate da campi di grano e vigneti a perdita d'occhio. Si tratta di un percorso letterario nelle località toccate dall'hidalgo Don Chisciotte nel corso delle sue avventure scritte dal grande Cervantes. Le località dell'itinerario sono: El Toboso, Mota del Cuervo, Belmonte, Campo de Criptana, Consuegra, Puerto Lapice.
Il percorso si snoda per circa 750 chilometri nella parte sud-occidentale della Spagna, la ricca Andalusia dove maggiori sono le testimonianze della lunga dominazione araba nel medioevo, lungo strade a scorrimento veloce, qualche tratto autostradale, ma anche stradine di alta collina. Le località descritte sono: Cordoba, Granada, Malaga, Ronda, Grazalema, Gibilterra e La Linea de la Concepcion, Cadice, Jerez de la Frontera e Siviglia.
Il tragitto si snoda dalla regione meridionale dell'Algarve verso il centro della nazione portoghese fino a raggiungere la zona di Lisbona, per complessivi 650 chilometri. Le località descritte sono: Olhão, Faro, Quarteira, Vilamoura, Albufeira, Lagos, Cabo de São Vincente, Sagres, Beja, Évora, Vila Viçosa, Estremoz, Arraiolos, Lisbona, Cabo de Roca, Sintra, Mafra.
Il tragitto si incunea nella parte settentrionale del Portogallo per circa 600 chilometri, attraverso statali in buone condizioni, ma con pendenze notevoli, e autostrade a pedaggio, tra borghi murati, monasteri ricchi di storia, santuari meta di ferventi pellegrinaggi, città ricche d'arte e castelli densi di storia. Le località descritte sono: Óbidos, Peniche, Alcobaça, Batalha, Fátima, Coimbra, Porto, Guimarães, Bragança.
Obiettivo Penisola Iberica
Ristampa aggiornata al 2015
Edizioni Fotograf Palermo (2012)
ISBN 978-88-97988-04-5
152 pagine, 201 foto
€ 24.00 + spese postali

   Sfoglia la guida
Premessa
Introduzione
Un po' di storia
Perché il viaggio nella Penisola Iberica
Clima
Fuso orario
Documenti
La rete stradale
Collegamenti marittimi
Parcheggi e campeggi
Costo della vita, shopping e orari di apertura di negozi e musei
Cucina
Uffici del Turismo
La Penisola Iberica
dalla A alla Z
A = Azulejos
B = Bastone
C = Corrida
D = Dalì, Mirò, Picasso
E = Ercole (Colonne di)
F = Flamenco
G = Gaudì e il modernismo
H = Hidalgo
I = Industria ed economia
L = Lingue
M = Movida
N = Nostalgia
O = Oceano
P = Porto
Q = Quando andare
R = Religione
S = Sherry
T = Tapas
U = Urgell
V = Ventagli
Z = Zapatero
Indice dei luoghi
Il decalogo del camperista responsabile
Gli autori
Gli itinerari
I colori dell'arte
  • Les pays catalans al di là del confine francese
  • Tra il confine franco-spagnolo e Barcelona
  • Barcelona
  • La Costa Dorada e Tarragona
  • Verso Llerida
  • Saragoza
Sulle orme degli antichi pellegrini
  • Dal Col de Somport a San Salvador de Leyre
  • Da Puente de la Reina a S. Domingo de la Calzada
  • Il paese basco
  • Burgos, la "Testa della Castiglia"
  • Santilliana del Mar, nel cuore della Cantabria
  • Da Castrojeriz a Leon
  • Da Astorga a El Cebrero
  • Santiago de Compostela e Cabo Finisterre
Movida in salsa castigliana
  • Salamanca, la capitale culturale della Spagna
  • Avila e Santa Teresa
  • La medievale Segovia
  • El Escorial, l'ottava meraviglia del mondo
  • L'esuberante Madrid
  • Aranjuez, l'oasi reale
  • Toledo, l'antica capitale
Sulla strada di Don Chisciotte
  • El Toboso, a casa di Dulcinea
  • I mulini di Mota del Cuervo
  • Belmonte, il maniero del duello
  • Campo de Criptana, i giganti di Don Chisciotte
  • Fra Consuegra e Puerto Lapice
Suggestioni moresche
  • Cordoba, capitale di Al-Andalus
  • Granada, la "rossa"
  • Malaga e i "Pueblos blancos"
  • Fra Gibilterra e Cadice
  • Siviglia, la città della grazia
Incanto lusitano
  • Le splendide scogliere dell'Algarve
  • La regione dell'Alentejo da Beja a Estremoz
  • Lisbona, l'altra capitale sui sette colli
  • Tra Cabo de Roca e Mafra
Rapsodia in bianco e blu
  • Tra borghi murati e solenni santuari da Óbidos a Fátima
  • Da Coimbra a Porto
  • Castelli densi di storia da Guimarães a Bragança

I colori dell'arte - Catalogna

Sulle orme degli antichi pellegrini - Camino de Santiago

Movida in salsa castigliana - Leon e Castiglia

Sulla strada di Don Chisciotte - Mancha

Suggestioni moresche - Andalusia

Incanto lusitano - Portogallo centro-meridionale

Rapsodia in bianco e blu - Portogallo settentrionale
©2012-2017 Mimma Ferrante & Maurizio Karra - Le Vie del Camper - Edizioni Fotograf Palermo
È vietata la riproduzione anche parziale dei testi e delle opere citate senza l'autorizzazione scritta degli autori e dell'editore
ggs2012  |  info cookie policy e disclaimer
Forse potrebbe interessarti anche:
Obiettivo Francia
Dodici itinerari alla scoperta della nazione forse più amata da camperisti e campeggiatori in genere, perché quella in Europa in cui effettivamente è nato, sviluppandosi, questo segmento di turismo.