Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie di servizio e di analisi. È possibile rifiutare l'utilizzo dei cookie ma, in questo caso, alcune funzioni del sito potranno non essere disponibili. In caso di rifiuto verranno utilizzati unicamente cookie tecnici e funzionali, in seguito automaticamente rimossi entro 24 ore dal termine della navigazione. Sarà possibile in seguito modificare la propria scelta tramite il link Cookie policy, presente in fondo alla home page del sito.

Obiettivo Polonia e Rep. Baltiche   Seconda edizione

Camperando tra Polonia, Lituania, Lettonia ed Estonia



Questa guida vi accompagnerà nel vostro viaggio in Polonia e nelle tre Repubbliche Baltiche - Lituania, Lettonia ed Estonia - unite dal comune denominatore dato dalle loro coste lambite dal Mar Baltico, anche se ognuna delle tre repubbliche, pur condividendo insieme alla Polonia buona parte del percorso storico e geografico, gode di caratteristiche proprie che emergono senza dubbi nel corso di un viaggio di scoperta di queste tre realtà oltre a quella polacca.

In ogni caso, partire alla volta di quest'area dell'Europa nord-orientale consente di entrare in contatto con una realtà che a livello turistico era preclusa, o comunque davvero complicata, soprattutto per chi volesse viaggiare con mezzi propri, fino al 1990, quando la caduta del muro di Berlino ha aperto all'occidente queste nazioni, e in particolare le tre Repubbliche Baltiche che erano parte integrante dell'URSS, nonostante la manifesta voglia di indipendenza reale dal comunismo sovietico, così da renderle libere di aprirsi al mondo occidentale; il che ha permesso a noi di scoprire i numerosi tesori custoditi al loro interno, tesori che comprendono realtà architettoniche di pregio, dai castelli agli edifici nobiliari, dalle cattedrali alle abbazie e ai monasteri sontuosi cattolici o ortodossi, e tesori naturalistici, come l'insieme di laghi incontaminati della Masuria o i litorali sabbiosi del Baltico, per non parlare dei tesori dell'artigianato, da quelli in legno decorato ai gioielli in ambra, definito non a torto ''l'oro del Baltico''.

I sette itinerari

Sono sette gli itinerari di questa guida: i primi quattro riguardano le varie regioni della Polonia, dalla Piccola Polonia alla Slesia, dalla Grande Polonia alla Pomerania, dalla Masuria alle terre di confine con l'Ucraina; gli altri tre sono incentrati ciascuno su una delle tre Repubbliche Baltiche, a partire dalla Lituania per giungere, attraverso la Lettonia, fino all'Estonia.

Gli itinerari sono illustrati da una specifica mappa che ne illustra il percorso e sono completati dai punti sosta per il camper (campeggi, aree attrezzati e parcheggi) con le coordinate GPS. Ecco qui di seguito un breve sunto di ciascuno di essi.


Nei luoghi di Karol Wojtyła
I Tatra polacchi e la Piccola Polonia
Iniziamo il nostro viaggio in Polonia con un itinerario di particolare suggestione per i luoghi che toccheremo, quasi tutti nel Voivodato della Piccola Polonia, nel sud del Paese; partiamo dalle vallate dei Monti Tatra e da Zakopane, tanto cara al futuro Papa Giovanni Paolo II, per addentrarci inizialmente fra alcuni borghi incontaminati e alcune delle storiche chiese in legno che qui furono costruite a partire dal '500, spesso entrate nel Patrimonio Unesco; proseguiamo quindi per Cracovia e le celebri miniere di sale di Wieliczka, anch'esse Patrimonio dell'Umanità, per chiudere con gli altri luoghi tanto cari a Papa Giovanni Paolo II fino al Santuario di Częstochowa, appena entrati in Slesia. Le località toccate nel corso dell'itinerario sono: Zakopane, Nowy Targ, Lopuszna, Harklowa, Dębno Podhalańskie, Grywałd, Stary Sącz, Nowy Sącz, Podole-Górowa, il Castello di Dębno, Nowy Wiśnicz, Wieliczka, Cracovia, il Santuario di Kalwaria Zebrzy-dowska, Wadowice, Oświęcim-Ausch-witz e infine Częstochowa, con un percorso complessivo di 450 chilometri.

La Polonia da sud a nord
Le regioni polacche della Slesia, della Grande Polonia e della Cuiavia
Questo secondo capitolo dedicato alla Polonia é un viaggio alla scoperta della regioni occidentali di questa grande nazione; si parte dalla Slesia, tradizionale zona di confine fra il mondo germanico e quello slavo, per poi incunearsi nella cosiddetta Grande Polonia, la grande regione centrale che costituisce il cuore della stessa Polonia odierna, e quindi giungere nella regione della Cuiavia, ai confini con la Pomerania orientale. Poche sono nell'ambito del percorso le città che possono definirsi davvero ''turistiche'': Breslavia, la capitale storica della Slesia; la grande Poznań, al centro dell'altipiano della Wielkopolska; e Toruń, la città del grande scienziato Nicolò Kopernico, capoluogo della Cuiavia. Le altre località lungo il percorso sono spesso trascurate o del tutto ignorate dalle più note guide di viaggio e, quindi, dai turisti internazionali, ma sono tutte meritevoli per una ragione o per un'altra di essere visitate. Nei 550 chilometri dell'itinerario si toccano Jelenia Góra, Legnica, Breslavia (Wroklaw), Leszno, Poznań, Gniezno, Strzelno, Toruń, Chełmno e Grudziądz.

Fra il Baltico e i Laghi Masuri
La costa baltica della Pomerania polacca, Danzica e la regione dei Laghi Masuri
Il terzo itinerario polacco é dedicato a tutta la parte settentrionale di questa nazione e comprende la costa baltica della Pomerania e la regione lacustre della Masuria; é un itinerario variegato in un territorio carico di contrasti, dove paradisi naturali, monumenti artistici e vaste aree ad alta industrializzazione convivono in un continuo mutamento. Si parte da Stettino e in circa 830 chilometri si toccano Stargard Szczeciński, il Woliński Park, Kamień Pomorski, Kołobrzeg, Słupsk, lo Slowinsky Park e Łeba; si giunge quindi a Danzica e si prosegue poi per il Castello di Malbork, il Santuario Mariano di Gietrzwałd, Olsztyn, il Santuario di Swieta Lipka, Kętrzyn, la ''Tana del Lupo'' a Gierłoź, Mikołajki, Augustow e infine il Santuario Matki Boźej Studzieniczna, vicino al confine con la Lituania.

Varsavia e la Polonia orientale
La Polonia centrale da Łódź a Varsavia e i Voivodati sud-orientali di Lublino e della Sub-Carpazia
L'ultimo itinerario polacco é dedicato nella prima parte al cuore della Polonia, fra Łódź e la capitale Varsavia, mentre la seconda parte descrive un territorio a volte poco noto al turismo, tutto da scoprire, nella parte sud-orientale comprendente i Voivodati di Lublino, di Santa Croce e della Sub-Carpazia, fino al confine con l'Ucraina. In circa 850 chilometri, partendo da Piotrków Trybunalski, si esplorano grandi città e piccoli centri, nell'ordine: Łódź, Varsavia, Pulawy, Kazimierz Dolny, Lublino, Zamość, Sandomierz, Baranow Sandomierski, Rzeszów, Łańcut e Przemyśl.

In Lituania lungo la Via dell'Ambra
Lituania
Dopo gli itinerari in terra polacca, con questo si va alla scoperta della Lituania seguendo il tracciato dell'antica Via dell'Ambra, con i suoi numerosi tesori naturalistici e architettonici, dalle numerose chiese barocche della capitale Vilnius alle suggestioni ambientali della penisola di Neringa. Si parte da Trakai e si toccano Vilnius, Rumšiskes, il Monastero di Pažaislis, Kaunas, Klaipeda, quindi ci si imbarca per la penisola di Neringa fermandosi a Smyltine, Juodkrantè, Pervalka e Nida; rientrati sulla terraferma si prosegue per Palanga, Kretinga, Plungè e Siauliai, chiudendo con l'omaggio alla Križiu Kalnas (in totale circa 740 chilometri complessivi).

In Lettonia sulla rotta delle cicogne
Lettonia
L'itinerario in Lettonia comprende, oltre alla capitale Riga, le più interessanti e pittoresche cittadine minori della piccola repubblica di mezzo del Baltico orientale, dove le cicogne nidificano su ogni comignolo e sui pali a bordo delle strade. Sono 630 i chilometri del percorso che parte da Liepăja, sulla costa, per raggiungere Kuldiga, Ventspils, Talsi, Jŭrmala, Jelgava, il Castello di Rundăle, Bauska, Riga, quindi Sigulda, Cĕsis e Valmiera.

Estonia: passaggio a nord-est
Estonia
Questo é l'itinerario più lungo di tutta la guida, dato che supera, seppur di poco, i mille chilometri complessivi; la ragione é legata al fatto che consente di avere una visione abbastanza completa della più settentrionale delle tre Repubbliche Baltiche, da sud a nord, da est a ovest, toccando la natura incontaminata dei suoi magnifici boschi, il fascino della medievale Tallinn e l'atmosfera russa che ancora oggi permea la regione orientale di Narva. Si inizia dal confine con la Lettonia, a sud, dove si era concluso l'itinerario precedente, e si toccano le seguenti località: Tartu, Mustvee, Lohusuu, Jőhvi, il Monastero di Kuremäe, Narva, Rakvere, il Parco di Lahemaa, la capitale Tallinn, quindi Haapsalu, Lihula, le due isole dell'arcipelago estone di Muhu (con i villaggi di Liiva e Koguva) e di Saaremaa (con Pöide, Angla, Kuressaare e Saäre), infine Parnu.

Obiettivo Polonia e Rep. Baltiche
Seconda edizione pubblicata nel 2017
Edizioni Fotograf Palermo
ISBN 978-88-97988-01-4
272 pagine, 540 foto
€ 28.00 + spese postali

   Sfoglia la guida
Premessa
Introduzione
Un po' di storia
Perché il viaggio in Polonia e nelle Repubbliche Baltiche
Documenti
Clima
Fuso orario
Lingua
La rete stradale
Collegamenti marittimi
Parcheggi e campeggi
Valute e costo della vita, shopping e orari di apertura di negozi e musei
Cucina
Uffici del Turismo
La Polonia e le Repubbliche Baltiche
dalla A alla Z
A = Ambra
B = Baltico
C = Chopin
D = Diritti della minoranza russa
E = Economia
F = Folklore
G = Grüto Parkas
H = Hansa
I = Internet
K = Kopernico
L = Lahemaa Rahvuspark
M = Madonna di Jasna Gora
N = Natura
O = Olocausto
P = Portaspada (Ordine dei)
Q = Quando andare
R = Religione
S = Solidarnośč
T = Tatra
U = URSS e Paesi Baltici
V = Voivodati
W = Wojtyła (Karol)
Z = Zamek
Indice dei luoghi
Il decalogo del camperista responsabile
Gli autori
Gli itinerari
Nei luoghi di Karol Wojtyła
  • I borghi montani e le chiese in legno dei Tatra
  • Cracovia e la Piccola Polonia
La Polonia da sud a nord
  • La Slesia e Breslavia
  • La Grande Polonia e Poznań
  • La Cuiavia e Toruń
Fra il Baltico e i Laghi Masuri
  • La costa baltica della Pomerania
  • Danzica e dintorni
  • La Masuria
Varsavia e la Polonia orientale
  • Il cuore della Polonia e la capitale Varsavia
  • La Polonia orientale fino al confine ucraino
In Lituania lungo la Via dell'Ambra
  • Trakai, Vilnius e Kaunas: le tre capitali lituane
  • La costa baltica e la penisola di Neringa
  • La Lituania settentrionale
In Lettonia sulla rotta delle cicogne
  • La costa baltica e la Lettonia occidentale
  • La Lettonia centrale e la capitale Riga
Estonia: passaggio a nord-est
  • Verso il confine russo
  • La costa settentrionale e la capitale Tallinn
  • La costa occidentale e l'arcipelago estone

Nei luoghi di Karol Wojtyła - I Tatra polacchi e la Piccola Polonia

La Polonia da sud a nord - Le regioni polacche della Slesia, della Grande Polonia e della Cuiavia

Fra il Baltico e i Laghi Masuri - La costa baltica della Pomerania polacca, Danzica e la regione dei Laghi Masuri

Varsavia e la Polonia orientale - La Polonia centrale da Łódź a Varsavia e i Voivodati sud-orientali di Lublino e della Sub-Carpazia

In Lituania lungo la Via dell'Ambra - Lituania

In Lettonia sulla rotta delle cicogne - Lettonia

Estonia: passaggio a nord-est - Estonia








©2012-2022 Mimma Ferrante & Maurizio Karra - Le Vie del Camper - Edizioni Fotograf Palermo
È vietata la riproduzione anche parziale dei testi e delle opere citate senza l'autorizzazione scritta degli autori e dell'editore
ggs2012
Forse potrebbe interessarti anche:
Obiettivo Mitteleuropa
Dieci itinerari alla scoperta delle nazioni della Mitteleuropa: la Repubblica Ceca, le città più importanti di Austria, Slovacchia, Ungheria, Slovenia con approfondimenti anche su Zagabria.